Best place to work numeri in crescita e la nuova sede: «Qui al centro c’è sempre la persona»

L’azienda nel 2023 ha fatturato 51 milioni di euro, con una crescita del 10% rispetto al 2022. La previsione è di arrivare a 60 milioni di euro nel 2024, e a 100 milioni di euro nel 2030. Sta tutta in queste cifre l’ascesa di Cantabria Labs Difa Cooper, sede italiana nata nel 2003 dalla spagnola Cantabria Labs che nel 2023 ha chiuso a 345 milioni di euro di fatturato. E se i conti denotano salute, anche i dipendenti non possono lamentarsi. Perché l’azienda di Caronno Pertusella, leader nella realizzazione di prodotti dermatologici, di farmaci, cosmetici, integratori e medical device studiati per prendersi cura della pelle, ha ricevuto anche quest’anno la certificazione Great Place To Work® Italia: «Se le persone sono felici, anche l’azienda sarà felice e funzionerà».

E non ci si ferma qui: presto una nuova sede pensata appositamente per il benessere dei dipendenti. Festeggia “Stefano”, ossia il ceo Stefano Fatelli; festeggia “Sara”, ossia Sara Berlese, Talent & People Manager; festeggiano tutti i collaboratori di Cantabria Labs Difa Cooper, perché è un riconoscimento a un team intero, alla sua compattezza, alla sua armonia. A quell’umanesimo imprenditoriale – col motto “Celebrate life”, inno alla vita, ossia attenzione all’uomo, ricerca scientifica, sostenibilità, solidarietà. Umanesimo imprenditoriale che mette l’uomo al centro nelle sue potenzialità, sia come fonte dell’intelligenza che poi come beneficiario dell’intelligenza stessa. Risultato: è stata accertata già in passato, più volte, da (e come) Great Place to Work – Best Workplaces, nel 2006, 2008, 2010, 2017, 2019 e 2020 («E non ci candidiamo tutti gli anni, altrimenti avremmo avuto anche più riconoscimenti. Ci interessa la metodologia e la conferma costante nel tempo», spiega Fatelli).

Quali le ragioni di questi successi? Nel presente, le ragioni di questi riconoscimenti van fatte risalire non solo a un modus operandi interno improntato alla serenità, ma anche ai numerosi benefits che l’azienda riconosce. Qualche esempio: Employee assesment, per condividere, individuare e allineare progetti e obiettivi del team e individuali; Cross-Functional Meetings: meeting inclusivi e cross-funzionali per condividere progetti, opinioni, idee e proposte; Employee onboarding & orientation con l’attenzione all’inclusione dei nuovi collaboratori; Valorizzazione dell’impegno e del merito con premiazione dei best performer e riconoscimenti agli ambassadors; Learning and Development: valorizzazione del talento attraverso programmi formativi, corsi interni di lingua spagnola, piattaforma e-learning interna, cofinanziamento al 50% di corsi di formazione privati, proposte di sviluppo individuali con Mba; Eventi di teamwork; Work-life balance: smartworking/flexiwork, orario di entrata ed uscita flessibile, easy friday; Finanziamento asilo nido del 50% per i figli delle collaboratrici neomamme; Assicurazione infortuni h 24; Generation Future Program con borse di studio rivolte ai figli dei collaboratori; Wellness Program per incentivare l’attività fisica e la salute dei dipendenti (check up sanitario, palestra, padel e frutta fresca, interventi formativi della Fondazione Onda per il benessere femminile); Employee Satisfaction: questionari di soddisfazione servizi, interventi formativi, iniziative, indagini di clima. E ora, apriamo il vasto capitolo del futuro, perché Cantabria Labs Difa Cooper non si culla certo sugli allori ma investe per migliorare ulteriormente il benessere dei propri dipendenti.

Il fiore all’occhiello sarà la nuova sede, il cui cantiere è avviato e terminerà al tramonto dell’estate 2024. Spiegano Fatelli e Berlese: «Il progetto della nuova sede è stato appositamente studiato per rendere ancor più inclusiva la vita in azienda, con concetti assolutamente innovativi». Qualche esempio? Sarà a disposizione di tutti una cucina professionale «per stare insieme a pranzo ancora meglio. E inviteremo chef che cucinino per noi», un momento di festa mentre si lavora. Spazi per tutte le esigenze, per rimanere da soli o condividere momenti insieme. L’edificio sarà completamente ecosostenibile, a energia solare. Sarà dotato di palestra, di campo da padel, bar, varie zone relax con divani, tavoli e frigo colmi per una pausa «con un vino e un po’ di formaggio, per dire», sorride Fatelli. Ah, ovviamente a Cantabria Labs Difa Cooper non si timbra: ognuno decide i tempi e i modi per lavorare al meglio delle proprie possibilità. E i risultati si vedono.

Perché – parole di Sara Berlese – «un progetto imprenditoriale di successo è costituito da persone che possono esprimere passione ed entusiasmo in un buon ambiente di lavoro; che si divertono coinvolgendo mente e cuore in quello che fanno; guidati da valori di vicinanza e rispetto. Per crescere insieme con orgoglio». Stefano Fatelli, ceo dell’azienda, aggiunge: «Questo è un progetto fortunato di persone fortunate, abbiamo costruito poco a poco la nostra crescita e crescendo abbiamo potuto ottenere i soldi necessari per continuare a investire. Quello che era chiaro fin dall’inizio nella nostra mente è che un’azienda è sempre la somma delle persone che la compongono. E se le persone sono felici, anche l’azienda sarà felice». Parole che andrebbero scolpite all’ingresso di ogni luogo di lavoro.